top of page
What it is: Service
IMG_20170930_113902.jpg

Watsu (contrazione di WATer ShiatSU) è un trattamento che trova origine nello Shiatsu e che viene praticato in acqua calda (35ºC).
Mentre galleggiate in assenza di gravità nell'acqua calda siete sostenuti delicatamente dal terapeuta Watsu. La combinazione di lenti e delicati dondolii, stiramenti e acupressioni permettono di alleviare le tensioni psicofisiche. I muscoli vengono massaggiati, le articolazioni mobilizzate, i tessuti connettivi allungati, e i canali energetici aperti. 
Essere sostenuti in tal modo nell’acqua consente alla mente e al corpo di lasciarsi andare, alleviando le tensioni muscolari e favorendo uno stato di rilassamento profondo.
La grande particolarità del Watsu è la sensazione di leggerezza e la libertà di movimento amplificata dall’acqua. Intraprenderete un viaggio guidato e ritmato da movimenti fluidi e aggraziati, che possono aiutare a far (ri)emergere e liberare le emozioni. 

(Il WATSU® è stato creato da Harold Dull negli anni ottanta at Harbin Hot Springs, California, ed importato da Arjana C. Brunschwiler in Svizzera nel 1992 ed in Belgio nel1996.)

E WaTa?

WaTa (dal tedesco WasserTanz o danza dell'acqua) è una tecnica subacquea finalizzata al rilassamento profondo.
Usando una clip da naso, verrete gradualmente portati sott'acqua con movimenti lenti, fluidi, ondulanti. La risposta fisiologica all'immersione (nota come riflesso di immersione dei mammiferi, un residuo delle nostre origini acquatiche) porta a una diminuzione della frequenza cardiaca e del metabolismo. Le sequenze subacquee si allungano gradualmente permettendo al corpo e alla mente di rilassarsi. Il rilassamento profondo e la respirazione cosciente possono portare il a uno stato di sogno-veglia e alla comunicazione con il proprio inconscio.
La sessione e le sequenze subacquee sono adattate al ritmo respiratorio di ognuno.

Nessuna competizione, nessun obiettivo se non il rilassamento e la connessione con se stessi.

(Il WATA è stato creato da Peter Schröter and Arjana C. Brunschwiler in 1987).

bottom of page